Lady Bird

Lady Bird - Greta Gerwig, 2017


Voto medio: 3,95

Film consigliato

da

DURATA: 94 minuti
GENERE: Commedia, Drammatico
CAST: Saoirse Ronan, Laurie Metcalf, Tracy Letts, Lucas Hedges, Timothée Chalamet.

“Ho scelto io di darmi questo nome.”

Per me Lady Bird è il vincitore morale dell’edizione 2018 degli Oscar. Niente di paragonabile a “filmoni” del calibro di “Tre Manifesti a Ebbing, Missouri“, “La Forma dell’Acqua“, “Dunkirk“, “Il Filo Nascosto” etc…: questa produzione statunitense è di tutt’altra caratura, parrebbe quasi un film indipendente. La regista, Greta Gerwig, sforna un’opera prima degna assolutamente di nota, che le è valsa la candidatura come Miglior Sceneggiatura Originale, Miglior Film e Miglior Regia e che promette una carriera importante. Aggiungiamo le candidature come migliori attrici (protagonista e non): questa cinquina è già un indice di qualità eccelsa. Però Lady Bird è qualcosa di più di un film da Oscar che non vincerà nulla (dita incrociate per la sceneggiatura): è un film a cui ci si lega in maniera indissolubile, difficile da dimenticare, di quelli a cui non si darebbe una lira e che poi in realtà entra in maniera prepotente nella lista dei migliori film da vedere, con un record di apprezzamenti da parte di critica e pubblico sulle maggiori piattaforme cinematografiche online.

Un “classico” romanzo di formazione reso però differente, frizzante e appassionante dal carattere ribelle di Christine (che esige di essere chiamata Lady Bird) e dall’interpretazione della giovane Saoirse Ronan. Una ragazza che vive negli schemi della madre per rispettarla, ma che dentro vive di ribellione e libertà: un uccello in gabbia che non vede l’ora di volare via, ma che sempre rimarrà attaccata al nido. Il rapporto conflittuale con la donna è sempre al centro dell’attenzione; attorno ad esso ruotano i primi amori della ragazza, le questioni economiche famigliari, la vita scolastica e la scelta del college, le amicizie che vanno rompendosi o solidificandosi. Il tutto si intreccia in una trama appassionante, profonda, diversa: la ribellione della ragazza è interna ma non soffocata, manifestata con piccoli gesti adolescenziali senza esagerazioni. Un particolare spaccato della vita quotidiana di Sacramento, dove le differenze sociali ad inizio millennio parrebbero enormi, visto dagli occhi di un coloratissimo fringuello dalle ali tarpate. Questo uccellino appena potrà logicamente volerà il più lontano possibile, per respirare un’aria nuova e poter essere veramente se stessa: Christine, o meglio… Lady Bird.

Se ti è piaciuto questo film, potrebbero interessarti anche...

0 commenti

Invia un commento