Cube – Il Cubo

Cube - Vincenzo Natali, 1997


Voto medio: 4,25
(28 voti totali)

Film consigliato

da

DURATA: 90 minuti
GENERE: Fantascienza, Horror, Thriller
CAST: David Hewlett, Maurice Dean Wint, Nicole deBoer, Nicky Guadagni, Wayne Robson.

“Niente chiacchere, nè discorsi a vanvera. Meglio che pensiate a quello che avete davanti agli occhi, ecco qual è la sfida. Il vostro vero nemico è dentro di voi!”

Questo horror non può certamente mancare nella collezione personale di ogni maniaco dell’angoscia cinematografica che si rispetti! “The Cube” è sostanzialmente ciò che si intuisce traducendo il titolo, anche senza essere madrelingua anglofoni: un cubo. Il film è infatti ambientato interamente all’interno di un gigantesco “cubo di Rubik”, dove le stanze che i protagonisti vanno ad esplorare non sono altro che, appunto, degli enormi solidi regolari colorati. Ma non finisce qui: come in ogni horror che si rispetti, la vita è sempre in pericolo e temere il peggio è la cosa più intelligente che si possa fare. Infatti molte “stanze” sono mortali, ospitando trappole letali molto fantasiose, alle quali ovviamente bisogna prestare molta attenzione… La prima scena mette già in guardia, fungendo da immediato monito per lo spettatore, catapultandolo in un mondo dove la morte può nascondersi dietro ogni angolo, e stabilendo fin da subito il tono inquietante che permea l’intera pellicola. La tensione è palpabile, un costante promemoria che in “The Cube” nulla è come sembra e che ogni decisione può essere fatale.

I protagonisti, un insieme eterogeneo di personaggi, si ritrovano intrappolati in questo infernale puzzle tridimensionale senza apparente via d’uscita. Tra di loro, un poliziotto, un architetto, una studentessa e altri individui con background diversi che lentamente rivelano le proprie competenze e paure. La tensione del film nasce non solo dalle trappole mortali che costellano il cubo ma anche dalle dinamiche psicologiche che si instaurano tra i personaggi, costretti a collaborare nonostante le diffidenze e i conflitti. Nessuno di loro si ricorda come sia finito lì… sarà un caso?

Una delle curiosità più affascinanti di “The Cube” è il modo in cui è stato girato. Nonostante l’apparente complessità dell’ambientazione, il film è stato realizzato utilizzando un unico set cubico, che veniva ripetutamente riconfigurato per creare l’illusione di un numero infinito di stanze. Questo approccio non solo ha ottimizzato i costi di produzione ma ha anche contribuito a creare una sensazione di reclusione e ripetitività, elementi chiave dell’esperienza claustrofobica vissuta dai personaggi e, di riflesso, dagli spettatori.

La critica ha spesso elogiato “The Cube” per la sua capacità di mescolare elementi di fantascienza con quelli horror, creando un’opera che interpella direttamente le paure più profonde dell’uomo: l’ignoto, la perdita di controllo e l’istinto di sopravvivenza. Nonostante il budget limitato, il film brilla per la sua inventiva e per la capacità di mantenere alta l’attenzione dello spettatore, costringendolo a interrogarsi sulla possibile via di fuga insieme ai protagonisti. Un enigma da risolvere attraverso dei codici incomprensibili potrà dare a tutti loro la salvezza? Da vedere assolutamente… magari non in solitudine!!!