La Pianista

La Pianiste - Michael Haneke, 2001


Voto medio: 4,13

“Walter, io non ho sentimenti, e anche se ne avessi per un giorno non prevaranno mai sulla mia intelligenza!”

Erika Kohut è un insegnante di piano al conservatorio. Rigida, inflessibile, non prova nessuna pietà ne ammette errori. Un’insegnante odiosa che nasconde passioni tutte particolari. Nonostante i 40 anni di età vive ancora con la madre, gelosa e possessiva, che la tratta ancora come fosse una bambina, chiamandola a casa di amici se tarda di pochi minuti e facendole ramanzine assurde se non torna a casa direttamente dal conservatorio. La madre sa che Erika prova particolarmente piacere per cose stravaganti e immorali. Infatti la donna spia le coppiette che al cinema drive in fanno l’amore oppure frequenta abitualmente alcuni negozi di pornografia della città.

Mentalmente squilibrata, prova inoltre piacere fisico quando si infligge punizioni o violenze. Il giovane Walter, un suo allievo, viene risucchiato da questa sua follia quando dichiara il suo amore per lei e scopre che dovrà sottostare a mille regole, tipiche del rapporto padrone-schiavo. La donna è incapace di provare amore o nasconde i suoi sentimenti dietro perverse dimostrazioni e richieste di violenza?

Vincitore del Grand Prix Speciale della Giuria a Cannes e del premio per la miglior interpretazione femminile (una Isabelle Huppert incredibile) e per quella maschile. Un film in pieno stile Haneke, con sempre presente una violenza insostenibile e un mix di classe, purezza e zozzure riprovevoli. Un pugno allo stomaco ma una pellicola da vedere. Indimenticabile.

 

Se ti è piaciuto questo film, potrebbero interessarti anche...

0 commenti

Invia un commento