#Intimo

Ubriaco d’Amore

Punch-Drunk Love è un film da vedere, girato nel 2002 da Paul Thomas Anderson. Principali attori della pellicola: Adam Sandler, Emily Watson, Philip Seymour Hoffman, Luis Guzmán, Mary Lynn Rajskub.

GENERE:
Commedia, Drammatico, Romantico
DURATA:
95 minuti
VOTA ANCHE TU!
TerribileInsufficienteCosì CosìBelloDa vedere! 3,70
Vota anche tu!

“Ho bisogno di sei o otto settimane per poter riscattare il budino!”

Ubriaco d’amore di Anderson, lo stesso regista di Magnolia, è stato presentato al Festival di Cannes nel 2002, vincendo il premio per la regia. È un film che presenta la dimensione alquanto surreale di un giovane uomo (Adam Sandler) a cui apparentemente non mancherebbe nulla nella sua vita, ma che in realtà vive un profondo disagio esistenziale dovuto in primis all’opprimente presenza delle sue 7 sorelle, al suo malessere nei confronti del lavoro che svolge, alla mancanza di fiducia in se stesso e all’assenza di un affetto sincero e disinteressato che colmi il suo vuoto interiore.

Il suo disagio si presenta in atteggiamenti estremi che vanno da uno stato di apatia a momenti di forte aggressività verso oggetti, cose e persone. Tutto questo viene esasperato dopo che entra in un circolo vizioso, quello delle telefonate erotiche attraverso le quali un tipaccio e la sua banda lo perseguitano fino all’ennesima potenza. Nella dimensione lontana da quella che definiamo normalità, entra a far parte il personaggio interpretato da Emily Watson che non appare per nulla scossa dalle confessioni intime del personaggio protagonista, ma anzi dà fiato e respiro a quest’ultimo e al libero scorrimento del film dando vita ad una storia d’amore anch’essa a dir poco paradossale.

 

Ubriaco d’Amore è un film Acclamato dalla Critica, Agrodolce, Anticonformista, Sentimentale, Toccante, Umoristico, Vincitore al Festival di Cannes che parla di , , , , , , , , , . Clicca sulle parole chiave per trovare film della stessa categoria!

In base a questi elementi della trama, eccoti una lista di film che potrebbero somigliargli:

Questa recensione è stata scritta da Antonella Vurro